MEDICINA AYURVEDA


Vai ai contenuti

yoga terapia

Trattamenti

Lo yoga non nasce come terapia ma per lo sviluppo spirituale.
L'obiettivo č lo sviluppo della mente, l'espansione della coscienza e lo sviluppo della personalitą.

Solo recentemente, nel 1893, Swami Vivekananda enfatizza l'importanza di un approccio scientifico allo yoga, senza tuttavia perdere il contenuto mistico e spirituale. Come conseguenza tra gli anni 20 e 30 e dopo gli anni 60 vengono pubblicati diversi studi sperimentali sugli effetti dello yoga in fisiologia e sulla possibile applicazione in campo terapeutico.

Lo
yoga terapia prevede quattro tipi di intervento nella cura dei disturbi:
1- attraverso lo sviluppo di uno stato mentale adeguato e corretto
2- attraverso la riabilitazione fisiologica del sistema neuro-muscolare, neuro-endicrino e dei meccanismi immunologici
3- attraverso l'adozione di uno stile di vita corretto, equilibrato e salutare
4- attraverso specifiche attivitą di pulizia e purificazione interna

Yoga e Ayurveda si completano nella promozione della salute fisica e psichica e nella ricerca del benessere frutto di un equilibrio profondo.

La conoscenza ayurvedica delle costituzioni fornisce informazioni importanti rispetto alla pratica delle asana.
Indicazioni rispetto al ritmo dei movimenti, al tipo di sforzo, alle parti del corpo con cui cominciare a lavorare, alla modalitą di mantenere le posture in accordo con la propria costituzione di base (
prakruti) permettono a chi pratica lo yoga di ottenere il massimo beneficio e di rimanere in equilibrio.

Sequenze specifiche di asana sono rivolte a chi soffre di disturbi specifici.
Lo yoga aiuta a riequilibrare disturbi dello stress, come ansia e insonnia, disturbi digestivi, stitichezza, sindromi asmatiche, artrosi e artrite, disturbi mestruali o in menopausa, squilibri orminali o nella fertilitą, attacchi di panico, depressione, emicranie, diabete e sindromi metaboliche, obesitą.

Tra le
pratiche di purificazione, note col nome di shatkarma, ne esistono alcune molto semplici che possono essere praticate con facilitą e che danno grandi benefici, come Jala Neti e Trataka




TRATAKA

Ponte tra le pratiche fisiche di purificazione e quelle mentali, trataka si pratica guardando la fiamma di una candela o una immagine scura su fondo bianco. La fiamma deve essere posta all'altezza degli occhi a circa 70 cm di distanza. Lo sguardo va mantenuto fermo sulla parte centrale della fiamma, senza muovere il capo e senza chiudere le palpebre, con i muscoli oculari rilassati. E' importante mantenere la consapevolezza e l'attenzione sulla fiamma senza lasciar vagare la mente. Quando gli occhi si stancano e lacrimano chiuderli delicatamente, mai sfregarli. Portare le mani calde agli occhi senza premere e riposare.

Benefici: buon metodo per liberare la mente da problemi e pensieri repressi, lasciandoli venire in superficie. Questa pratica rende gli occhi limpidi e luminosi; allevia l'ansia, la depressione e l'insonnia; rafforza la memoria, la concentrazione, la forza di volontą. Facilitą la pratica della meditazione.


JALA NETI

Si utilizza acqua a temperatura corporea con l'aggiunta di 1 cucchiaino di sale ogni ½ litro. Si pratica al mattino facendo passare l'acqua da una narice all'altra per mezzo di un contenitore chiamato lota e respirando con la bocca. Alla fine asciugare bene le narici enfatizzando l'espirazione come in kapalabhati.

Benefici: questa pratica permette di eliminare il muco e le impuritą dalle cavitą e dai seni nasali; previene malattie da raffreddamento e dei bronchi, utile per alleviare allergie, asma, sinusite, mal di testa, malattie delle orecchie e degli occhi. Allevia la tensione muscolare della mandibola, del viso, riduce le rughe. Rilassa il cervello, calma l'ira, l'ansia, la letargia. Molto utile quando si russa o si respira con la bocca aperta.



Home Page | Presentazione | Trattamenti | Corsi | Articoli | Contatto | Link | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu